Giovani e Lavoro: alcune riflessioni e proposte per promuovere l’occupazione

giovani e lavoro

A partire dallo scorso mese di febbraio, i consiglieri Marco Muzzarelli e Guido Alunno hanno organizzato tre serate di approfondimento e riflessione sul tema “Giovani e Lavoro” ponendo un’attenzione particolare alla situazione locale. Sono state così coinvolte alcune differenti realtà che operano sul territorio e che promuovono esperienze di formazione e lavoro indirizzate ai giovani.

A conclusione di questo percorso, durante il quale sono state condivise esperienze, idee e proposte, sono state individuate alcune azioni percorribili per promuovere l’occupazione dei giovani.

“Da quanto emerso in questi primi incontri è stato possibile evidenziare due prospettive di azione percorribili: avvicinare i mondi dell’occupabilità e dell’occupazione e facilitare un “ecosisistema” in grado di far crescere e sviluppare le azioni che nel coinvolgimento dei giovani mirano a stimolare la loro immaginazione e la loro creatività. – hanno affermato i consiglieri Marco Muzzarelli e Guido Alunno – In particolare, nell’area di intersezione tra occupabilità e occupazione si aprono nuove opportunità di azione connesse all’interazione tra mondi differenti; in quest’area è possibile delineare tre macrosoggetti di riferimento in grado di collaborare: Formazione, Università, Istruzione, Associazioni, Agenzie per il lavoro (più vicine per loro natura agli spazi dell’occupabilità); Cooperazione, Imprese, Sindacato (più vicine per loro natura agli spazi dell’occupazione); le istituzioni, dal livello cittadino al livello regionale”.

Nel dettaglio, le proposte per favorire l’occupazione possono essere così riassunte:

  • sperimentare nuove forme di gestione dei centri giovanili coinvolgendoli nella progettazione e gestione degli spazi e favorendo la nascita di piccole imprese in grado di offrire servizi e attività per i giovani del territorio;
  • trasformare i centri giovanili e l’informagiovani in “sistemi concentratori” di riflessione, cultura e raccolta dati attorno alle tematiche del lavoro; non un semplice sportello di ascolto e orientamento, ma un luogo dove si aggregano e si incontrano i soggetti del territorio che a vario titolo affrontano le tematiche del lavoro e dei giovani;
  • facilitare la nascita di esperienze locali in grado di gestire e creare una nuova economia dall’utilizzo di spazi e luoghi afferenti alla città;
  • definire un regolamento per valorizzare e tracciare le work experience affinché sia possibile valorizzare ed utilizzare le potenzialità formative delle imprese incrociandole e facendole incontrare con le potenzialità creative dei giovani;
  • incentivare la partecipazione dei giovani all’ideazione e creatività creando sempre più opportunità nella forma di “concorso di idee” rivolta principalmente ai giovani per sfruttarne le loro potenzialità creative;
  • richiedere alle aziende partecipate dal comune che garantiscano ogni anno almeno il 3% di tirocini rivolti a giovani con età compresa tra i 18 ed i 25 anni;
  • favorire la nascita di piattaforme per la certificazione delle competenze informali e la loro tracciabilità.

Alcune di queste azioni saranno proposte all’Amministrazione attraverso la mozione che entro breve presenteranno in Consiglio Comunale i Consiglieri Marco Muzzarelli e Guido Alunno.