Medz yeghern, i cento anni del genocidio del popolo armeno

armeno2

Cassiani (PD): Vicini al popolo armeno e alla sua lotta

Medz yeghern, “Grande Male”, così viene ricordato oggi, 24 aprile, il genocidio del popolo armeno compiuto dall’Impero Ottomano durante gli anni 1915-1916; un genocidio che, a distanza di cento anni non è stato ancora riconosciuto dalla Turchia.

I Paesi che riconoscono ufficialmente il genocidio armeno sono una ventina, tra cui l’Italia, mentre in altri è riconosciuto solo da singoli enti o amministrazioni. Molti altri Paesi, invece, continuano a non usare il termine genocidio per timore di una crisi nei rapporti con la Turchia.

“Si deve parlare di genocidio del popolo armeno – ha affermato il presidente della Commissione Cultura del Comune di Torino, Luca Cassiani – il primo genocidio del XX secolo, durante il quale uno Stato ha pianificato ed eseguito sistematicamente lo sterminio di un popolo per motivi etnici e religiosi. Ricordando la storia del genocidio siamo vicini al popolo armeno e alla sua lotta per affermare il proprio diritto all’autodeterminazione, alla libertà e ad una pacifica coesistenza con i popoli confinanti del Caucaso”.