Assestamento di Bilancio…

A tutti quelli che in questi mesi ci hanno chiesto notizie sul tema del bilancio del Comune di Torino alla luce della campagna mediatica piena di inesattezze messa in campo da #Appendino e dal #M5S per giustificare le retromarce sul loro programma consiglio vivamente la lettura di questo articolo. Nessun buco. Proprio nessuno.

vai al link di “Nuova Società” per leggere quanto scrive Andrea Doi:

http://www.nuovasocieta.it/metropoli/assestamento-di-appendino-nessun-buco-piu-spesa-e-scelte-ardite/

rolandoappendino-840x480

Natale con i fiocchi

Nel ringraziare pubblicamente la soprintendente Luisa Papotti per il lavoro di tutela del decoro delle piazze auliche che la sindaca #Appendino e i suoi Assessori Sacco e Leon non stanno garantendo consentendo, in spregio ad ogni principio di qualità urbana, accampamenti di tende ospitanti venditori di salami e caciotte nel cuore sabaudo della Città, ribadiamo che sta roba dell’organizzazione del Natale con i Fiocchi 2016 gestita dai grillini non ci piace per nulla. Sotto diversi punti di vista. Troppi coni d’ombra. Andremo a fondo.

Stefano Lo Russo 

Il Pd sulle dichiarazioni della consigliera M5S Paoli.

La consigliera Paoli, intervenendo nella seduta  della Commissione Legalità del Consiglio Comunale di Torino, lancia pesanti accuse verso il Partito Democratico di collusioni mafiose. La reazione del Pd non si fa attendere e Mimmo Carretta dichiara : 

La ferocia dei moralisti e’ superata solo dalla loro profonda stupidita”

In merito alle considerazioni espresse dalla Consigliera Paoli del Movimento 5 Stelle durante la commissione legalità del Consiglio Comunale di Torino chiederemo l’acquisizione dell’audio per valutare eventuali azioni legali a tutela dell’immagine del PD, dei nostri militanti, dei nostri elettori. Ora basta! Siamo stufi.

Stefano Lo Russo su Osservatorio Tav

La Sindaca #Appendino ha orgogliosamente rivendicato l’uscita del Comune dall’Osservatorio tecnico sulla nuova Torino-Lione proposto dai #NoTav e dal #M5S. Un danno grave alla Città, che perde così l’occasione di verificare tecnicamente i progetti delle opere infrastrutturali connesse alla nuova linea ferroviaria che riguardano Torino. Un approccio ideologico al problema senza nessuna evidenza scientifica e una grave copertura politica delle azioni violente a danno delle forze dell’ordine in Val Susa. Una Sindaca che ha smesso di essere di tutti e ha deciso di esserlo solo di una parte, peraltro minoritaria. Un grave errore politico che denuncia pochezza e davvero scarsa lungimiranza.

La Città di Torino fuori dall’Osservatorio tecnico della Tav

Scelta discutibile da parte dell’Amministrazione Appendino che decide, con la sua maggioranza, di lasciare l’Osservatorio sulla Tav; il M5S e la sindaca Appendino pagano la cambiale, politica ovviamente, con una parte del loro elettorato e, per non farsi mancare nulla, il gruppo Consiliare esprime solidarietà ai condannati dal Tribunale per gli assalti al cantiere.

 

reptotavreptorinotav stampatotavstampatorinotav

cronanatavtocronacatav

C’eravamo tanto amati….

La luna di miele con i torinesi dell’Amministrazione Appendino sta terminando messa a dura prova dalla quotidiana realtà del governo della città.
Una piccola rassegna stampa sulle difficoltà dell’attuale sindaca con uno sguardo rivolto anche all’interesse nazionale che il M5S ha suscitato e che oggi, forse, segna un pò il passo.

 italia-oggi-m5s-0

stampa-metropolirep-sosta-selavaggia-0rep-sosta-selavaggia-1

BUONGIORNO TORINO

Rubrica di notizie, fatti e misfatti della nostra città

Si parla di terrorismo in questi giorni sugli organi d’informazione torinesi facendo però un passo indietro nella storia; non degli attentati suicidi pensando agli attacchi dell’Isis ma del riaffacciarsi dei fantasmi di un periodo tremendo della storia del nostro Paese e, in particolare, della nostra città.
L’invito del Centro Sociale Askatasuna a Renato Curcio per intervenire in un dibattito ha nuovamente aperto ricordi, sofferenze e naturalmente discussioni.
Premesso che si tratta del ex leader delle Brigate Rosse, il gruppo terroristico che trasformò quel periodo storico negli anni di piombo, e che Curcio ha scontato la sua pena.
Furono anni pericolosi e drammatici, il nostro Paese e Torino pagarono prezzi altissimi in termini di vite umane, di feriti gravi e di un clima politico e sociale avvelenato.
Paolo Griseri di Repubblica ha raccolto commenti e opinioni tra i consiglieri comunali impegnati nella consueta seduta settimanale del lunedì in Sala Rossa.
Stupisce che alcuni abbiano risposto che non avevamo “nulla da dire”; non sono state trovate o non sono state cercate le parole per esprimere una riflessione, un sentimento o un’emozione su anni che molti tra coloro che siedono in questi banchi hanno vissuto; le parole sono importanti e quando non si trovano o non si vogliono usare segnano un limite.
Volendo essere ottimisti siamo certi che, nella prossima riunione del Consiglio Comunale, si troveranno le parole per esprimerci su questa tragedia italiana.

Il Gruppo Consiliare del Partito Democratico